TOBIA E IL PESCE (Come manna dal cielo, capitolo 8)

Spread the love

Eppure…..non c’è altra strada che il dialogo.

(le foto sono di Marina Ortona)

———————————————————————————–

Capitolo 8
TOBIA E IL PESCE
—-immagini lago di Tiberiade
grafica:
Lago di Tiberiade, IsraeleIMG_9301

Roberto (fc)
Il pesce non è solo un alimento importante. Ha un alto valore simbolico. Sono pescatori i primi discepoli di Gesù. I primi cristiani utilizzano il simbolo stilizzato del pesce per riconoscersi e per indicare il Cristo.

Grafica e voce speaker: Vangelo di Matteo 17, 24-27

Mentre entrava in casa,
Gesù lo prevenne dicendo:
“Che cosa ti pare, Simone?
I re di questa terra
da chi riscuotono
le tasse e i tributi?
Dai propri figli o dagli altri?”
Rispose: “Dagli estranei”.
E Gesù:
“Quindi i figli sono esenti.
Ma perché non si scandalizzino,
va’ al mare, getta l’amo
e il primo pesce che viene
prendilo, aprigli la bocca
e vi troverai
una moneta d’argento.
Prendila e consegnala a loro
per me e per te”.

grafica:
Habib Ghammashi – cuoco
Lago di Tiberiade, Israele

“Ci troviamo nella zona del Kibbutz Ginosar, nei pressi di Cafarnao, dove pescavano tutti gli amici di Gesù, come Pietro, e questo è il pesce che tiravano su: per questo motivo anche questo pesce è stato chiamato pesce di San Pietro. Perché questo è un pesce benedetto…ha dato a Pietro dalla sua bocca delle monete per permettergli di saldare un debito che aveva con la tassa di ingresso assieme a Gesù a Cafarnao. Gesù gli disse di pescare in questa zona, e quando Pietro iniziò a pescare uscì un pesce con una moneta e così saldò il suo debito.”

IMG_9329
Grafica e voce speaker: Vangelo di Giovanni 6, 8-13

Gli disse allora uno dei suoi discepoli,
Andrea, fratello di Simon Pietro:
“C’è qui un ragazzo
che ha cinque pani d’orzo
e due pesci;
ma che cos’è questo
per tanta gente?”.
Rispose Gesù:
“Fateli sedere.”
C’era molta erba
in quel luogo.
Si misero dunque a sedere
ed erano circa
cinquemila uomini.
Allora Gesù prese i pani
e, dopo aver reso grazie,
li diede a quelli
che erano seduti,
e lo stesso fece dei pesci,
quanto ne volevano.

Roberto
QUEI PESCI DEVONO ESSER STATI COTTI A PUNTINO PERCHE’ POTESSERO SFAMARE LE CINQUEMILA PERSONE CHE SI ERANO RADUNATE.

Don Pagazzi
“Gesù per moltiplicare i pani e i pesci utilizza una scorta, una merenda o un pasto di un ragazzino, qualche pane, qualche pesciolino. Ed è difficile che il ragazzino se andasse in giro in una zona così calda con del pesce fresco. Un modo per conservate il pesce era senz’altro quello di cucinarlo.”

Grafica e voce speaker: Vangelo di Giovanni 6, 8-13

E quando furono saziati,
disse ai suoi discepoli:
“Raccogliete i pezzi avanzati,
perché nulla vada perduto.”
Li raccolsero
e riempirono dodici canestri
con i pezzi dei cinque pani d’orzo,
avanzati a coloro
che avevano mangiato.

Don Pagazzi
“Evitare lo spreco per Gesù significa riconoscere anche in qualcosa che sembra di poco conto, anche un pezzettino di pane, qualcosa che invece vale e che deve essere conservato.

IMG_9315Roberto (fc)
La Bibbia fornisce anche le indicazioni per pulire il pesce.
Il giovane Tobia deve recuperare il patrimonio paterno e parte assieme all’arcangelo Gabriele e ad un cagnolino. Durante una sosta lungo il fiume Tigri, mentre si sta lavando, un grosso pesce tenta di mangiargli il piede.

Grafica e voce speaker: Bibbia, Tobia 6, 3-6

Ma l’angelo gli disse:
«Afferra il pesce
e non lasciarlo fuggire».
Il ragazzo riuscì ad afferrare
il pesce e a tirarlo a riva.
Gli disse allora l’angelo:
«Apri il pesce e togline il fiele,
il cuore e il fegato;
mettili in disparte
ma getta via gli intestini.
Infatti il suo fiele,
il cuore e il fegato
possono essere
utili medicamenti».
Il ragazzo squartò il pesce,
ne tolse il fiele,
il cuore e il fegato.
Arrostì una porzione del pesce
e la mangiò;
l’altra parte la mise in serbo
dopo averla salata.

Roberto: (sul lago di Tiberiade)
SECONDO LA BIBBIA LE ISTRUZIONI DELL’ANGELO SONO PRECISE. LE INTERIORA DEVONO ESSERE BUTTATE.
IL FIELE PERÒ PUÒ ESSERE UTILE. DIFATTI COL FIELE TOBIA PUÒ FARE UN MEDICAMENTO CHE POI RISULTERÀ UTILE PER GLI OCCHI DEL PADRE CHE SONO MALATI.
……..
IL PESCE VIENE COTTO ARROSTO E UNA PARTE VIENE MANGIATA SUBITO DA TOBIA. L’ALTRA PARTE INVECE VERRÀ CONSERVATA E VERRÀ MESSA SOTTO SALE.IMG_9321

—————cambio musica—-immagini lago di Tiberiade

Grafica:
Lago di Tiberiade, Israele

Roberto: (sul lago di Tiberiade)

GESÙ SAPEVA CUCINARE. È MOLTO PROBABILE.
DOPO LA RESURREZIONE GLI APOSTOLI E I DISCEPOLI LO INCONTRANO SUL LAGO DI TIBERIADE, ED È LA TERZA VOLTA CHE LO INCONTRANO.
…..
PIETRO E GLI ALTRI NON HANNO PESCATO NIENTE MA GESÚ DICE LORO: TORNATE SULLA BARCA E GETTATE LE RETI DALLA PARTE DESTRA DELLA BARCA. E COSÌ FACENDO PIETRO E GLI ALTRI PESCANO BEN 153 GROSSI PESCI. LI PORTANO A GESÙ CHE LI CUCINA PER LORO.IMG_9299

Don Pagazzi
“Tanti hanno riflettuto sul significato di questo numero. Probabilmente si tratta di un calcolo triangolare a base 17, che era molto in voga allora. Si tratta cioè di fare la somma dal numero 1 al numero 17 e salta fuori proprio 153….e indica una grande pienezza, una grande abbondanza. Questo è probabile, ed è probabile anche che non riusciremo mai a capire cosa significa 153. E credo che anche questo faccia parte del bello di una relazione: non capire proprio tutto.”

Grafica e voce speaker: Vangelo di Giovanni 21, 9-14

Appena scesi a terra,
videro un fuoco di brace
con del pesce sopra,
e del pane.
Disse loro Gesù:
“Portate un po’ del pesce
che avete preso ora”.
Allora Simon Pietro
salì nella barca
e trasse a terra la rete
piena di centocinquantatré
grossi pesci.
E benché fossero tanti,
la rete non si squarciò.
Gesù disse loro:
“Venite a mangiare.”
Nessuno dei discepoli
osava domandargli:
“Chi sei?”
perché sapevano bene
che era il Signore.
Gesù si avvicinò,
prese il pane
e lo diede loro,
e così pure il pesce.
Era la terza volta che Gesù
si manifestava ai discepoli,
dopo essere risorto dai morti.

Don Pagazzi
“Si potrebbe dire con buona sicurezza che Gesù sapeva cucinare. Quantomeno, fare il pane e arrostire il pesce.”

IMG_9310
Tova 2

“Qui si tratta del Lago di Tiberiade, stiamo parlando di pesce, e i pescatori erano maschi, uomini. Come nella Bibbia quelli che lavorano nei campi sanno abbrustolire il grano, così i pescatori sanno grigliare il pesce. Non è necessariamente una conoscenza particolare, semplicemente grigliarono il pesce alla brace.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *